Addio Gianni Boncompagni: innovatore della radio italiana

Radio News

Addio Gianni Boncompagni: innovatore della radio italiana

Grandissimo autore e regista televisivo, ma anche un conduttore radiofonico a dir poco innovativo.

Giandomenico (Gianni) Boncompagni si è spento pochi giorni fa, domenica 16 aprile, lasciandosi alle spalle una carriera che ha cambiato la televisione e la radio italiana.

Nel 1965 con l’amico Renzo Arbore, Boncompagni mette in atto una vera e propria “rivoluzione pop” nel nostro Paese, con la conduzione della trasmissione radiofonica “Bandiera Gialla”. La trasmissione, in onda il sabato pomeriggio su Rai Radio 2 (all’ora chiamata Secondo Programma), si rivolgeva soprattutto ai giovani, con l’obiettivo di far conoscere ai nuovi ascoltatori italiani le novità musicali sul piano internazionale. “Bandiera Gialla” proponeva soprattutto le novità discografiche inglesi o americane, mantenendo tuttavia un occhio di riguardo anche verso la musica italiana, spingendo ad esempio la Rai a mandare in onda Patty Bravo o Lucio Battisti.

La rivoluzione radiofonica di Boncompagni continua con la trasmissione “Chiamate Roma 3131”, in onda su Rai Radio 1 dal 1969, con la conduzione di Gianni Boncompagni e Franco Moccagatta. La trasmissione porta per la prima volta in Italia l’ascoltatore al centro della diretta radiofonica, grazie all’utilizzo del telefono. Le chiamate avevano come oggetto delle storie, dei quiz, delle “confessioni”, o il bisogno di consigli da una voce amica, novità che hanno portato in ogni caso la trasmissione al record di ascolti.

Dal 1970 è la volta di “Alto Gradimento”, con il ritorno della coppia di conduttori Boncompagni e Renzo Arbore. La trasmissione porta in Italia un nuovo modo di fare la radio, incentrato su comicità e improvvisazione. “Alto Gradimento” portava on air personaggi di fantasia, tormentoni, e musica innovativa, caratteristiche che fecero raggiungere anche questa trasmissione il boom di ascolti. La trasmissione ebbe indubbiamente un ruolo di apripista, verso tutti quei programmi radiofonici che oggi vivono di ilarità.

Divertente, innovativo e geniale, sono solo alcuni degli aggettivi che possiamo attribuire a Gianni Boncompagni, un uomo che ha portato molte ventate di novità nella televisione e nella radio italiana.

Articolo a cura di Vittoria Marchi