Inonda: la soluzione per far Regia da casa

Strumentazione Radiofonica

Inonda: la soluzione per far Regia da casa

Una Radio, per essere ascoltata, deve trasmettere, e per trasmettere ha necessità di avere una regia che metta insieme tutti gli elementi prodotti.

Nell’era di Internet, lo spazio ha superato i confini materiali e si è esteso all’infinito, nel virtuale. Non essendo più necessario essere nello stesso luogo fisico per raggiungere gli obiettivi lavorativi, il personale può essere in qualunque luogo. Ecco che di necessità si fa virtù e per risolvere tale esigenza si stanno realizzando una serie di software di automazione di regia tutti completamente in cloud.

Tra questi c’è Inonda, un servizio di radio gestibile esclusivamente tramite browser, da computer, tablet o dispositivi mobile, senza necessità di installare nulla sul proprio pc.

Attivabile sottoscrivendo un abbonamento mensile o annuale, è possibile aderire a diversi piani a seconda delle proprie esigenze e competenze:

- Starter, per chi vuole creare una radio per hobby o per la propria attività commerciale; comprende 1 Station, 2 Deejays, 5GB di Storage, 1TB/MESE di Streaming, Player universale. Per questo piano è possibile attivare una prova gratuita di 7 giorni al termine dei quali si può decidere se abbonarsi o meno.

-Pro, per chi ha già esperienza di broadcast e webcast e vuole sfruttare a pieno le potenzialità della radio in cloud; comprende 1 Station, 3 Deejays, 20GB di Storage, 2TB/MESE di Streaming, DSP (processore audio), Libreria condivisibile, Player universale.

-Professional, per chi lavora nel mondo della radio e necessita di una piattaforma agile per creare e gestire tante radio; comprende 2 Stations, 5 Deejays, 30GB di Storage, 5TB/MESE di Streaming, DSP, Libreria condivisibile, Player universale.

Per ogni piano è previsto un supporto tecnico tramite mail e la possibilità di aggiungere opzioni in base al proprio progetto.

Inonda si comporta come un vero sistema di regia, contenente tutte le funzioni necessarie per la messa in onda. Infatti, è possibile editare i brani e personalizzare il cross-fade durante l’esecuzione delle playlist; impostare regole personalizzate per creare una rotazione musicale perfetta e senza ripetizioni, con programmazioni differenti se si utilizza la stessa libreria musicale per più canali radiofonici; trasmettere eventi live programmando uno streaming esterno nelle proprie playlist,  scegliendo giorno e ora in cui mandarli in onda.

Il piano streaming è basato sul traffico mensile e il punto di forza è rappresentato dal fatto che, essendo un software in cloud e trovandosi su server dedicati, permette di trasmettere senza interruzioni e senza limiti di utenti in contemporanea. Inoltre, attraverso il pannello di statistiche (giornaliere, settimanali o mensili), è possibile sapere quante persone sono connesse e da dove stanno ascoltando la radio.

Il Player universale consente l’ascolto da dispositivo mobile o da computer  e, tramite i social, attraverso l’integrazione con Facebook, sarà possibile condividere in tempo reale il brano trasmesso e le relative informazioni.Per saperne di più, www.inonda.com .

Articolo a cura di Donatella Santo