Radio Fresh: l’intervista al fondatore Emanuele Fabbri

Interviste

Radio Fresh: l’intervista al fondatore Emanuele Fabbri

E’ sempre bello parlare di realtà radiofoniche che prendono forma nel territorio nazionale, indipendentemente dalla regione di appartenenza. In un periodo dove spesso purtroppo si parla di emittenti che devono inevitabilmente chiudere i battenti, è piacevole scoprire come la passione per il mezzo possa concretizzarsi nella realizzazione di qualcosa potenzialmente in crescita, grazie alla presenza di chi ci mette tanta determinazione nel raggiungimento dei propri obiettivi “radiofonici”.

Come nel caso di Radio Fresh, l’emittente della provincia di Bologna, che gode di una programmazione abbastanza diversificata e in linea con i gusti di tutti. Abbiamo incontrato il fondatore, Emanuele Fabbri, tra l’altro ex allievo del corso di Radiospeaker.it a Milano, il quale, fiero del suo “gioiellino”, ci ha descritto la struttura della radio, che si lega anche all’ideale di format e conduzione dal suo punto di vista.

Una realtà giovane e dinamica, in diffusione via web ed FM.

Insomma, la volontà di far crescere Radio Fresh è alla base del lavoro di Emanuele e dei suoi collaboratori, sempre pronti ad essere “on air” per le loro brillanti trasmissioni.

Ecco la nostra intervista!

Come nasce l’idea di Radio Fresh?

L’idea di realizzare una radio c’è sempre stata. Sin da piccolo sono stato appassionato del mezzo, sulla scia di mio padre, fondatore di Radio RCA, un’emittente che poi fu chiusa per motivi gestionali ed economici. Da lì però divenne importante l’idea di creare una radio che potesse diffondere tante informazioni considerando che, nella nostra zona, sull’appennino bolognese, quindi in un territorio montano, le informazioni solitamente arrivano in ritardo, rispetto alle grandi città. Oggi però grazie al web tutto è maggiormente tempestivo. Una passione per il media che poi mi ha spinto a frequentare il corso di Radiospeaker.it a Milano.

Com’è strutturato il palinsesto di Radio Fresh?

Siamo partiti il 30 giugno di quest’anno con due programmi in diretta tutti i giorni: il “morning show” in onda dalle 8 alle 10 e un format pomeridiano dalle 15 alle 17. Da settembre abbiamo aggiunto i programmi serali. Ogni sera, dalle 20 alle 21, c’è un contenitore diverso. Da quello prevalentemente culturale, in cui diamo spazio alle amministrazioni rientranti nel nostro bacino d’utenza, un altro di cinema, poi quello sulla storia del rock, un altro ancora il sabato pomeriggio. Quindi, per il momento siamo con tre programmi al giorno.

Radio Fresh trasmette anche sul web. Pensi che oggi le web radio stiano avendo una certa rilevanza rispetto al panorama dell’FM?

La web radio è una realtà importante. Gestire un’emittente del genere ti permette di selezionare maggiormente il tuo pubblico, magari facendo qualcosa che possa essere di nicchia e quindi riservato ad ascoltatori specifici. Radio Fresh, andando in onda anche in FM, propone una programmazione che possa coinvolgere un pubblico sempre più ampio.

Per te qual è l’ideale perfetto di radio?

Un’emittente che riesca, nel corso della giornata, a raccogliere quante più persone possibili, grazie ad una programmazione variegata che accontenti diversi target, ad esempio, con format riservati ad una fascia giovane e altri ad over 50. Ci vogliono diversi programmi che consentano un ascolto vario.

Sulla conduzione, quali sono le caratteristiche che prediligi in uno speaker?

Sono convinto che oltre alle nozioni basilari di conduzione, come quelle apprese nel corso di Radiospeaker.it , uno speaker deve anche saper esprimere la propria personalità, magari compiendo qualche azzardo. In questo caso, secondo me, può diventare molto più affascinante e colpire gli ascoltatori.

Cosa ne pensi di Radiospeaker.it?

Il portale è molto bello. Sono iscritto alla newsletter dove arrivano notizie interessanti. Per una persona come me che lavora in questo settore, è utile avere informazioni riguardo le novità che avvengono all’interno delle altre realtà radiofoniche.

Intervista a cura di Maurizio Schettino